Prima di diventare un pilota, come passeggero, ti sarà capitato di porti qualche domanda curiosa sugli aerei. Dai tempi dei fratelli Wright non ci sono state solo grandi differenze tecnologiche e di design: dai primi prototipi di velivoli ai moderni aeroplani sono state introdotte piccole e funzionali caratteristiche che oggi ci permettono di volare in sicurezza e comodità.

Vediamo allora quante di questi fatti curiosi sugli aerei conosci già!

Gli aeroplani sono progettati per venire colpiti dai fulmini

Gli aerei sono progettati per venire colpiti dai fulmini e, se non lo sapessi già, vengono colpiti regolarmente. Si stima che i fulmini vengano a contatto con ogni velivolo fino a una volta ogni mille ore di volo.

Tuttavia, dal 1963, nessun aereo è più stato abbattuto dai fulmini, grazie alla sua ingegnosa struttura metallica che ne compone la fusoliera e la rende una buona conduttrice elettrica: in questo modo la carica elettrica del fulmine attraversa l’aereo, senza raggiungere l’interno, e fuoriesce da esso, in genere senza causare danni al velivolo.

Alcuni aerei dispongono di camere da letto segrete per l’equipaggio

Sui voli a lungo raggio, l’equipaggio di cabina può lavorare per 16 ore al giorno. Per aiutare a combattere la stanchezza, alcuni aerei, come i Boeing 777, sono dotati di minuscole camere da letto dove l’equipaggio può fare un pisolino. Le camere sono tipicamente accessibili tramite una scala nascosta che conduce a una piccola stanza dal soffitto basso con 6-10 posti letto e un bagno.

Le gomme sono progettate per non esplodere durante l’atterraggio

Le gomme di un aereo sono progettate per resistere a carichi di peso incredibili (fino a 38 tonnellate) e possono colpire il suolo a 170 miglia all’ora più di 500 volte prima di aver bisogno di cambiare le gomme.

Inoltre, i pneumatici degli aerei sono gonfiati a 200 psi, che è circa sei volte la pressione utilizzata in un pneumatico per auto. Se un aeroplano ha bisogno di nuove gomme, l’equipaggio di terra deve semplicemente sollevare l’aereo come se fosse una macchina.

Perché durante l’atterraggio vengono spente le luci in cabina

Quando un aereo atterra di notte, il personale di bordo oscura le luci interne. Se sei un pilota lo saprai già, ma per i semplici viaggiatori, ecco svelato il motivo: nel caso sfortunato che l’atterraggio dell’aereo vada male e che i passeggeri debbano evacuare, i loro occhi saranno già abituati all’oscurità.

Allo stesso modo, gli assistenti di volo ricordano ai passeggeri di alzare la tendina del finestrino durante l’atterraggio, in modo che si possa vedere fuori in caso di emergenza e valutare quale lato dell’aereo è migliore per l’evacuazione.

Un aereo non ha bisogno di entrambi i motori per volare

L’idea di un motore che vola a mezz’aria senza un motore può spaventare, ma in realtà ogni aeroplano commerciale può volare in sicurezza con un solo motore. Volare con metà della potenza del motore può rendere un aereo meno efficiente in termini di consumo di carburante e può ridurre il raggio d’azione, ma gli aerei sono progettati e testati per tali situazioni.

Perché i finestrini sono rotondi

Verso la metà del XX secolo, le compagnie aeree commerciali iniziarono a far volare i loro aerei a quote più elevate. Il motivo per cui si faceva volare gli aerei più in alto era per risparmiare denaro: una minore densità dell’aria significa infatti meno resistenza sull’aereo e meno resistenza significa meno carburante sprecato.

Per rendere gli aerei adatti a volare ad altitudini più elevate, le compagnie aeree hanno dovuto apportare alcune modifiche ai loro progetti: innanzitutto, la cabina dell’aereo doveva essere pressurizzata in modo che i passeggeri potessero respirare. In secondo luogo, l’aereo doveva essere cilindrico per resistere alla pressione interna. Sembrava il modello perfetto, ma negli anni ’50 ben tre aerei si schiantarono a terra dopo che la fusoliera si strappò a brandelli perché gli ingegneri avevano trascurato un difetto cruciale del design: le finestre quadrate.

Le finestre quadrate sono un problema per gli aerei ad alta quota a causa della differenza di pressione atmosferica tra l’esterno e la cabina. Questa differenza fa sì che la cabina si espanda leggermente, il che mette sotto stress il materiale di cui è composta, in questo caso i telai delle finestre. La tensione si sviluppa di più agli angoli acuti di una finestra quadrata e purtroppo quando questa diventa troppo grande, crrrack! Con una finestra ovale, la tensione si scarica intorno al bordo uniformemente, evitando rotture.

Qualche curiosità sulle compagnie aeree

Chiudiamo questo articolo con qualche curiosità sulle compagnie aeree.

Partiamo da quella che è la compagnia aerea più antica del mondo: si tratta della KLM Royal Dutch Airlines, fondata nel lontano 1919.

Sapevi invece che la compagnia aerea ad introdurre per la prima volta la business class fu la Qantas Airlines? Molte compagnie aeree negli anni Settanta iniziarono a distinguere i posti sugli aerei tra prima classe ed economy, ma è nel 1979 che sugli aerei Qantas viene introdotta una tariffa dedicata a chi viaggia regolarmente e vuole qualche optional in più.

Molto più curioso è invece il fatto che Lufthansa è il più grande acquirente al mondo di caviale: ne acquista oltre 10 tonnellate all’anno. Al contrario, nel 1987 American Airlines ha risparmiato $ 40.000 rimuovendo una oliva da ogni insalata servita in prima classe.

Infine ad introdurre il check-in online per la prima volta è stata la compagnia Alaska Airlines nel 1999.

Eri a conoscenza di tutti questi fatti curiosi sugli aerei o ti abbiamo svelato qualcosa di nuovo e divertente?